© Stefano Mazzanti     Artista visivo - Lighting designer     P.I. 02738960984    info@stefanomazzanti.it INTERVISTA per il portale Lighting now! INTERVISTA A STEFANO MAZZANTI - CLC Di Romano Baratta  AUTORE CONTEMPORARY LIGHTING CONTEXT 2011  Artista visivo e lighting designer, si è formato attraverso gli studi al DAMS di Bologna  (laureandosi con una tesi sul linguaggio della luce), e la frequentazione del Teatro  dell’Acqua dei fratelli Cesare e Daniele Lievi. Ha collaborato a lungo con il light designer  Gigi Saccomandi e, nel ’98, ha pubblicato il libro Luce in scena – storia, teorie e tecniche  dell’illuminazione a teatro. La qualità del suo lavoro gli è valsa l’invito alla prestigiosa  manifestazione Luci d’Ancona, a San Giovanni Illuminato a Catanzaro e alle mostre  collettive Re-lighting the City a Brescia e Notturni dannunziani, al Vittoriale di Gardone  Riviera. Ha ideato e realizzato performance basate sull’interazione e la sincronizzazione fra  suono e luce. Collabora con vari registi, artisti, musicisti e coreografi ed ha all’attivo  numerosissimi spettacoli di teatro, danza e opera lirica, in Italia e all’estero, prodotti, tra gli  altri, da Biennale di Venezia, Napoli Teatro Festival Italia, CSS di Udine, Festival di  Santarcangelo, Festival Ortigia di Siracusa, Mittelfest, Teatro Due di Parma, Teatro Verdi di  Trieste ecc. Nel 2001 ha fondato il gruppo di ricerca equilibri avanzati. Dal 2007 è titolare  della cattedra di Illuminotecnica e Light design presso l’Accademia di Belle Arti S. Giulia di  Brescia. Ci puoi raccontare quando ha avuto origine il tuo interesse per la luce?   Io ho cominciato, ventenne, a fare teatro con un gruppo di amici. Come succede in questi  casi tutti fanno di tutto: registi, attori, scenografi, tecnici, falegnami, pittori ecc.Gli spazi e le  scene erano creati con qualche asse di legno, carta, cartone e ricoperti con quattro stracci.  La cosa che più mi colpiva e continuamente mi meravigliava era come bastasse accendere  una piccola luce messa nel posto giusto per vedere quegli oggetti "recuperati" trasformarsi,  come per magia, in un altro mondo. Era come se la luce infondesse in loro la vita. Credo  che la mia passione sia nata proprio lì...Più in generale: la luce è responsabile della visione,  il procedimento probabilmente più potente attraverso cui raccogliamo informazioni sul  mondo che ci circonda. Mi ha sempre interessato molto lavorare con la luce proprio perché  mi da la possibilità di cambiare la percezione dello spazio, degli ambienti e di chi li vive, fra i  due estremi della realtà concreta e dell'immaginazione.   Qual'è il tuo approccio alla luce? In che direzione si sviluppa la tua ricerca?   Innanzitutto cerco sempre di partire da un pensiero, da un senso, e cerco di fare in modo  che la luce sia qualcosa di attivo. Credo che talvolta possa addirittura essere generativa di  uno spazio, una situazione, una drammaturgia. Non mi piace, invece, quando ne sento  parlare in termini di emozione, suggestione ecc. perché trovo che fare questo con la luce  sia molto facile ma anche molto limitato. Per il resto il mio approccio è indubbiamente legato  ai miei inizi. Vale a dire che la luce per me in qualche modo "racconta" sempre qualcosa,  che può essere un intreccio, un carattere o lo stato d'animo di un personaggio se sto  facendo uno spettacolo. Se lavoro su un'installazione questa ha spesso almeno una  componente site specific, cioè la luce racconta uno spazio, la sua evoluzione nel tempo, la  sua storia. Anche quando uso la luce in sé come oggetto stesso della visione tendo ad  organizzarla in modo che abbia uno sviluppo, un'evoluzione nel tempo. Per questo  ultimamente mi sono molto interessato a tutte quelle esperienze, soprattutto del '900, che  hanno messo in relazione la luce con il suono e la musica. La musica porta all'esperienza  visiva la dimensione temporale. Sto' lavorando in questo senso nelle ultime  installazioni/performance e anche in laboratori con i bambini. Da quando ho fondato il  gruppo di ricerca equilibri avanzati sto sperimentando molto anche la relazione corpo-luce,  soprattutto in ambito performativo. Il corpo è portatore dell'identità della persona e la sua  visione è sempre mediata dal mezzo luce. Ne consegue che la luce può trasformare la  percezione del corpo e quindi dell'identità stessa della persona.  VAI ALL’ORIGINALE